Contabilizzazione costo del personale: scritture ed esempi

iltuocontabile logo color
Redazione

Troppe scadenze?

Ti aiutiamo noi
Riduci il carico di lavoro, abbassa i costi del personale, concentrati sulle attività a valore aggiunto e risparmia tempo.

Contattaci
Argomenti

Come si registra il prospetto paghe del consulente del lavoro? Vediamo come registrare il costo del personale nei diversi gestionali

La gestione del personale e la contabilizzazione del costo del personale sono in genere due aspetti gestiti da diverse tipologie di professionisti.

I consulenti del lavoro sono coloro che gestiscono tutta la parte relativa ad assunzioni, comunicazioni periodiche ed elaborazione dei cedolini dei dipendenti di un’azienda.

Per quanto riguarda parte contabile, dove viene rilevato il costo sostenuto dall’azienda, se ne occupa solitamente il commercialista.

Chi si occupa della contabilizzazione del costo del personale

Può capitare che vi siano studi associati dove siano presenti entrambe le figure professionali, o può anche darsi che si decida di esternalizzare alcuni servizi, come ad esempio facciamo noi di iltuocontabile.it.

Nella maggior parte dei casi, è il consulente del lavoro a dover stilare un “cedolone” dove vengono indicate le voci relative al personale, utili alla contabilizzazione del costo.

Si tratta di voci aggregate, date dalla somma dei valori indicati nei singoli cedolini rilasciati mensilmente ai dipendenti. Sta poi al commercialista tradurli in conti contabili ed inserirli in contabilità.

Contabilizzazione costo del personale: esempi

Mettiamoci nei panni del commercialista, che riceve dal consulente del lavoro il seguente (e molto semplificato) prospetto paghe:

Retribuzioni lorde – 2500
Contributi c/dipendenti – 130

Ritenuta IRPEF – 510
Rit
. Addizionale Regionale – 30
Ritenuta Addizionale Comunale – 12
Netto da pagare – 1818
Contributi c/ditta – 600

  • Per prima cosa, contabilizziamo il costo delle retribuzioni:
    Salari e stipendi (D) – 2500
    Debiti v/dipendenti (A) – 2500


  • Poi registriamo i contributi previdenziali dovuti dall’azienda:
    Contributi previdenziali c/ditta (D) – 600
    Debiti v/INPS (A) – 600


  • Ora contabilizziamo l’effettivo pagamento degli stipendi:
    Debiti v/dipendenti (D) – 2500
    Contributi c/dipendenti (A) – 130
    Ritenuta IRPEF (A) – 510
    Rit. Addizionale Regionale (A) – 30
    Ritenuta Addizionale Comunale (A) – 12
    Banca c/c (A) – 1818 (A)


  • Entro il 16 del mese successivo, vanno versate tutte le ritenute fiscali e previdenziali trattenute ai dipendenti, tramite F24, in quanto l’azienda fa da sostituto d’imposta. Con questa scrittura chiudiamo i debiti verso l’erario e l’inps:
    Debiti v/INPS (D) – 600
    Contributi c/dipendenti (D) – 130
    Ritenuta IRPEF (D) – 510
    Rit
    . Addizionale Regionale (D) – 30
    Ritenuta Addizionale Comunale (D) – 12
    Banca c/c (A) – 1282


    Con questa mini guida, spieghiamo inoltre come registrare il costo del personale nei software gestionali più diffusi come eBridge di Buffetti e Davev Koinos

Altri costi del personale da contabilizzare

I costi del personale non si limitano a quelli indicati nel prospetto del consulente del lavoro, ma a queste si aggiungono anche il TFR e i premi INAIL.

Rilevazione contabile TFR

Il Trattamento di Fine Rapporto è un accantonamento che effettua il datore di lavoro, ma che viene liquidato ai dipendenti in casi particolari, come il licenziamento o il pensionamento.

  • Annualmente queste somme vanno rilevate in contabilità con una semplice scrittura:
    Accantonamento TFR (D) – 1500
    Fondo TFR (A) – 1490
    Erario c/imposta sostitutiva TFR (A) – 10

Premi INAIL

A fine esercizio si rileva anche il costo per l’assicurazione per gli infortuni sul lavoro INAIL. E’ obbligatoria ed è dovuta dal datore di lavoro.

  • Entro il 16 febbraio di ogni anno si versa l’acconto:
    Acconto INAIL (D) – 600
    Banca c/c (A) – 600


  • Una volta determinato il saldo del premio dovuto, si può procedere al versamento e alla sua rilevazione contabile:
    INAIL c/premi (D) – 800
    Debiti v/INAIL (A) – 800
    Debiti c/INAIL (D) – 800
    Banca c/c (A) – 200
    Acconto INAIL (A) – 600

Contabilizzazione costo del personale: come procedere?

Anche la contabilizzazione del costo del lavoro è un altro adempimento ripetitivo ma dispendioso in termini di tempo.
Tuttavia è possibile snellire l’attività del tuo studio.

Affidati ai servizi de iltuocontabile.it

Penseremo alla gestione della contabilità dei tuoi clienti e a tutti i nuovi adempimenti, così potrai dedicarti alla consulenza e ad attività ad alto valore.

Scopri come funziona! Compila il modulo o contattaci via email all’indirizzo [email protected]

Ti richiameremo in meno di 20 minuti!

Prova una demo gratuita Il Tuo Contabile per risparmiare tempo e denaro

Riduci il carico di lavoro, abbassa i costi del personale, concentrati sulle attività a valore aggiunto e risparmia tempo.

Post correlati

Registrazione gestionale contabile

Registrazione fatture nel gestionale eBridge, Datev Koinos e TeamSystem

Come avviene la registrazione delle fatture attive e passive? Ecco alcuni esempi di registrazione contabile nei gestionali più utilizzati.
Manutenzioni e riparazioni

Manutenzione e Riparazione beni propri 5% e differenze

Come funzionano le spese di Manutenzione e riparazione? Spieghiamo il limite del 5% sui beni propri e l'indicazione nel conto economico
principio casse e competenza

Principio di cassa e di competenza: Come funzionano? Differenze ed esempi

Spesso si parla di regime di cassa o di competenza. Ma quali sono le differenze? Quale conviene? Ecco una guida con esempi pratici
Ammortamenti civilistici e fiscali

Ammortamenti civilistici e fiscali: differenze e significato

Ammortamenti civilistici e fiscali: quali sono le differenze e come gestirli
magnifiercrossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram